Epidemie. I perché di una minaccia globale

Abbiamo conservato per te il libro Epidemie. I perché di una minaccia globale dell'autore Giovanni Rezza in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web grandtoureventi.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Grandtoureventi.it Epidemie. I perché di una minaccia globale Image

Conoscere e interpretare le dinamiche epidemiche non è un esercizio accademico, ma il modo migliore per decidere quali interventi adottare per combatterle. Ben lungi dall’essere sconfitte, le malattie infettive rinnovano la loro sfida all’umanità. Nuovi virus emergono, come il recente e temutissimo coronavirus, per il quale l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato l’emergenza sanitaria globale. I vecchi germi, invece, espandono la loro area di azione, conquistando nuove popolazioni e località geografiche precedentemente indenni. È quindi indispensabile comprendere a fondo in che modo agenti infettivi come i coronavirus, l’HIV, gli arbovirus o i virus influenzali siano in grado di provocare eventi pandemici. L’autore – fra i massimi esperti a livello mondiale – traccia una storia delle epidemie, ne spiega le origini e le modalità di diffusione, descrivendo al contempo gli interventi per affrontarle.

INFORMAZIONE

DATA
2020
DIMENSIONE
1,48 MB
AUTORE
Giovanni Rezza
NOME DEL FILE
Epidemie. I perché di una minaccia globale.pdf
Pandemia: che cosa vuol dire, esattamente? - Focus.it

ISS, 5 febbraio 2020. Un parametro importante in un'epidemia di una malattia infettiva è il cosiddetto R0 ovvero il "numero di riproduzione di base" che rappresenta il numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto in una popolazione completamente suscettibile cioè mai venuta a contatto con il nuovo patogeno emergente.

Epidemie. I Perche' Di Una Minaccia Globale - Rezza ...

3) si è diffuso a livello globale «Nelle ultime due settimane - scrive l'OMS - il numero di casi di COVID-19 fuori dalla Cina è aumentato di 13 volte, e il numero di nazioni interessate è triplicato. Oggi ci sono oltre 118 mila casi in 114 Paesi, e 4.291 persone hanno perso la vita.

LIBRI CORRELATI