Giuseppe Cafasso. Un santo del Risorgimento

Abbiamo conservato per te il libro Giuseppe Cafasso. Un santo del Risorgimento dell'autore Cristina Siccardi in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web grandtoureventi.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Grandtoureventi.it Giuseppe Cafasso. Un santo del Risorgimento Image

Lo chiamavano il prete della forca perché spesso si presentava alle esecuzioni capitali seguendo il condannato a morte fino al patibolo per abbracciarlo e farlo sentire amato. Prete e formatore di preti in un'epoca di grandi figure di santità sacerdotale, Giuseppe Cafasso (1811-1860), contemporaneo di don Bosco, era nato in una famiglia contadina di modeste condizioni e di profonda fede. Ordinato prete a 22 anni, entra nel Convitto Ecclesiastico torinese dove rimarrà per tutta la vita, come insegnante prima e poi direttore spirituale e Rettore. Come spesso accade, a una fragilità fisica associava una forza d'animo e una grande capacità di ascolto e di conoscenza dei problemi e delle fatiche della gente che a lui si riferiva con fiducia. Ha vissuto la sua esistenza tra il Convitto ecclesiastico di Torino e le carceri regie della città, divenendo punto di riferimento per chi cercava sostegno e consolazione e modello per molti sacerdoti, tra cui don Bosco, che guidava con sapienza.

INFORMAZIONE

DATA
2011
DIMENSIONE
3,78 MB
AUTORE
Cristina Siccardi
NOME DEL FILE
Giuseppe Cafasso. Un santo del Risorgimento.pdf
Giuseppe Cafasso. Un santo del Risorgimento Uomini e donne ...

Giuseppe Cafasso, il prete della forca 23/06/2019 Seguì e confortò i carcerati nella Torino dell'Ottocento, accompagnando fin sotto il patibolo i condannati a morte. Ma soprattutto fu un sacerdote santo che formò molti altri sacerdoti santi, da san Giovanni Bosco al beato Francesco Faà di Bruno.

Giuseppe Cafasso. Un santo del Risorgimento: Amazon.it ...

Cerca un libro di Giuseppe Cafasso. Un santo del Risorgimento in formato PDF su bluedoorbar.co.nz. Qui puoi scaricare libri gratuitamente! Lo chiamavano il prete della forca perché spesso si presentava alle esecuzioni capitali seguendo il condannato a morte fino al patibolo per abbracciarlo e farlo sentire amato.

LIBRI CORRELATI