La Bibbia dei Settanta. Vol. 2: Libri storici.

Leggi il libro La Bibbia dei Settanta. Vol. 2: Libri storici. PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su grandtoureventi.it e trova altri libri di Richiesta inoltrata al Negozio!

Grandtoureventi.it La Bibbia dei Settanta. Vol. 2: Libri storici. Image

Intorno all'anno 400 la chiesa d'Occidente, di lingua latina, si trovò ad affrontare un problema: la Bibbia utilizzata, sia per la liturgia sia per lo studio, era un testo latino tradotto dal greco (la cosiddetta Vetus Latina), un testo che presentava vari errori di traduzione. Di qui la necessità di intervenire: se per il Nuovo Testamento si trattava solo di adottare un buon manoscritto greco, per l'Antico Testamento la questione si presentava più complessa perché il testo latino in uso era, sì, tradotto dal greco, ma questo a sua volta era stato tradotto dall'ebraico. Non era forse meglio risalire alla fonte? Si poneva un problema non solo linguistico ma di natura teologica: la Bibbia greca appariva più ampia di quella ebraica e anche nei libri comuni - che erano la maggior parte e i più importanti - c'erano frequenti varianti, talvolta di notevole spessore teologico. Due padri della chiesa latina, entrambi venerati poi come santi, Girolamo e Agostino, presero posizioni opposte. Girolamo sosteneva che il testo ebraico dovesse essere preferito perché più antico: essendo scritto nella lingua originale, era il solo ispirato. Agostino difese invece il greco, perché aveva permesso alla Parola di Dio di essere accolta nel mondo pagano; apparteneva, quindi, alla storia della salvezza, diversamente dal testo ebraico. La vinse Girolamo e la sua Vulgata - testo latino corretto abbondantemente sull'ebraico, ma non del tutto - lentamente si impose nelle chiese di lingua latina.

INFORMAZIONE

DATA
2016
DIMENSIONE
4,46 MB
AUTORE
Richiesta inoltrata al Negozio
NOME DEL FILE
La Bibbia dei Settanta. Vol. 2: Libri storici..pdf
I Libri storici - Dehoniane

La Bibbia dei LXX comprende infatti sette libri che non hanno più oggi una versione ebraica ufficiale: oltre a Baruc, abbiamo i libri di Tobia, Giuditta, 1 e 2 Maccabei, Siracide e Sapienza, oltre a porzioni di Daniele ed Ester noti solo nella versione greca. Un caso interessante è quello del libro della Siracide.

SETTANTA in "Enciclopedia Italiana" - Treccani

Per la traduzione dei restanti libri, l'opera fu realizzata da una scuola di traduttori che si occupò del salterio, sempre ad Alessandria, verso il 185 a.C.; in seguito furono tradotti Ezechiele, i Dodici Profeti Minori e Geremia. Dopodiché vennero fatte le versioni dei libri storici (Giosuè, Giudici e i quattro libri dei Regni) e infine Isaia.

LIBRI CORRELATI