Pessoa. Il sottile equilibrio tra genialità e follia

Abbiamo conservato per te il libro Pessoa. Il sottile equilibrio tra genialità e follia dell'autore Stefano Lattari in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web grandtoureventi.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Grandtoureventi.it Pessoa. Il sottile equilibrio tra genialità e follia Image

Il saggio prende in esame la formazione di impronta scientifica e pseudoscientifica di Fernando Pessoa soprattutto nell'arco di tempo tra il 1907 e il 1912, periodo in cui il poeta compone un'immensa mole di riflessioni e di osservazioni sulla follia e la natura del genio, considerate nel loro aspetto clinico, attitudinale e sociale. Queste osservazioni costituiscono il punto di partenza per la formulazione del concetto di eteronimia, la cui genesi trova le sue radici più profonde nei trattati di stampo medico circolanti negli ambienti culturali del primo novecento. Il tema della follia e della genialità attraversa del resto tutta l'opera dello scrittore portoghese; essa è rintracciabile non solo nella finzione letteraria messa in scena dai personaggi dell'immaginaria coterie, ma diviene parte integrante della propria vita reale, quella che l'autore restituisce nelle pagine di diario e nelle lettere indirizzate alla fidanzata.

INFORMAZIONE

DATA
2016
DIMENSIONE
1,66 MB
AUTORE
Stefano Lattari
NOME DEL FILE
Pessoa. Il sottile equilibrio tra genialità e follia.pdf
PDF Liceo Scientifico Concetto Marchesi Mascalucia (Ct)

Durante il Positivismo, la presunta relazione tra genialità e follia viene indagata con l'intento di verificare se essa poggia su dati scientifici effettivamente riscontrabili e quantificabili. Particolarmente significative sono le conclusioni cui giunse Cesare Lombroso, padre della moderna criminologia.

pessoa e la follia - Tralerighe

Pessoa. Il sottile equilibrio tra genialità e follia: Il saggio prende in esame la formazione di impronta scientifica e pseudoscientifica di Fernando Pessoa soprattutto nell'arco di tempo tra il 1907 e il 1912, periodo in cui il poeta compone un'immensa mole di riflessioni e di osservazioni sulla follia e la natura del genio, considerate nel loro aspetto clinico, attitudinale e sociale.

LIBRI CORRELATI