Anelli nell'io. Che cosa c'è al cuore della coscienza?

Scarica l'e-book Anelli nell'io. Che cosa c'è al cuore della coscienza? in formato pdf. L'autore del libro è Douglas R. Hofstadter. Buona lettura su grandtoureventi.it!

Grandtoureventi.it Anelli nell'io. Che cosa c'è al cuore della coscienza? Image

Nel 1979, un giovane esperto di intelligenza artificiale sorprese il mondo con un libro di enorme mole, labirintico, geniale e di immenso successo. Il libro era "Gödel, Escher e Bach" e il suo autore Douglas Hofstadter. Attraverso logica matematica, musica, paradossi grafici e linguistici, Hofstadter cercava di dare sostanza a un'intuizione che sembrava scandalosa: la mente umana potrebbe non essere altro che un computer, i neuroni dei semplici chip, l'intelligenza mera capacità di eseguire i programmi scritti nel cervello. A quasi trent'anni di distanza, molte cose sono cambiate: i computer non occupano più gli scantinati delle università ma sono in tutte le case e in tutte le tasche, e gli studi sul cervello hanno raggiunto un grado di raffinatezza quasi inimmaginabile. Eppure, resta intatto l'ultimo mistero: dove si trova e come è fatta l'anima? Cos'è che chiamiamo "io" quando parliamo con noi stessi? Cosa resta di noi (se resta qualcosa) dopo la nostra morte fisica? Nel libro di Hofstadter troviamo tutta la sua abilità di divulgatore, capace di spaziare dalla letteratura all'informatica, dai giochi di parole ai dibattiti più attuali della filosofia, dagli esempi più curiosi agli esperimenti mentali più originali e vividi.

INFORMAZIONE

DATA
2010
DIMENSIONE
9,22 MB
AUTORE
Douglas R. Hofstadter
NOME DEL FILE
Anelli nell'io. Che cosa c'è al cuore della coscienza?.pdf
Anelli nell'Io — Libro di Douglas Hofstadter

Alpha Test. Teoritest 13. Manuale per i test di ammissione a Biologia, Biotecnologie, Farmacia, Chimica, CTF PDF Download

Anelli nell'io. Che cosa c'è al cuore della coscienza ...

Coscienza e consapevolezza. In vero il termine ha assunto nel corso della storia della filosofia significati particolari e specifici distinguendosi dal vocabolo generico di consapevolezza al quale viene talvolta assimilato. In questo senso il filosofo statunitense John Searle accomuna la coscienza alla consapevolezza di sé: «La coscienza consiste in una serie di stati e processi soggettivi.

LIBRI CORRELATI